apicoltori al lavoro in Val d'Orcia


La Sanità Pubblica Veterinaria, nell'ambito del Dipartimento di Prevenzione, si occupa di Apicoltura effettuando:

  • ispezioni presso gli allevamenti registrati in anagrafe, per escludere la presenza di alcune malattie denunciabili previste dal regolamento di Polizia Veterinaria o per verificarne il loro contenimento;
  • controlli sul regolare utilizzo del farmaco veterinario e l'eventuale presenza di residui da farmaci nel miele, anche in base alle disposizioni previste nel piano nazioale residui (PNR);
  • sopralluoghi su chiamata in seguito al verificarsi di morie di alveari o spopolamenti anomali per accertarne le cause;
  • ispezioni nelle mielerie per accertare che siano applicate tutte le norme igieniche alla lavorazione del miele e anche la sua corretta etichettatura.

Una provincia quasi esclusivamente agricola come quella di Siena, ove la pastorizia mantiene il territorio vocato al pascolo, è il luogo ideale per un’apicoltura pulita, al riparo da coltivazioni intensive pesticido-dipendenti.

La nostra apicoltura ha carattere prevalentemente hobbistico e di integrazione al reddito, con un ruolo produttivo ed economico marginale rispetto al comparto agricolo senese. Il 3,2% dei produttori sono apicoltori biologici certificati. La produzione annua stimata di miele è di circa 2.000 quintali, con un fatturato stimato in € 509.000.

All'Azienda USL 7 di Siena risultano regolarmente registrati, al 2015, 275 apicoltori, con 8.032 alveari e 81 mielerie autorizzare, così distribuiti nelle 4 zone socio sanitarie:

(dati 2015) Zona
Valdichiana
Zona
Valdelsa
Zona
Senese
Zona
Amiata Val d'Orcia
TOTALE
apicoltori 124 96 200 26 446
alveari 1796 1294 4213 729 8032
mielerie 27 21 30 3 81
apiari censiti 121 151 312 30 614
apicoltori in regola con il censimento annuale 47 24 186 18 275