Stampa

"Le api sono considerate fattori di tutela dell’ecosistema e dell’agricoltura in generale ed in quanto tali devono esser salvaguardate" (Legge Regionale n.21/2009 "Norme per l'esercizio, la tutela e la valorizzazione dell'apicoltura").

Nel periodo primaverile può accadere che alcuni sciami sfuggano al controllo dell'apicoltore e creino situazioni di pericolo per i cittadini e un potenziale rischio per la diffusione delle patologie delle api.

I Vigili del Fuoco intervengono su chiamata nella proprietà privata, solo nel caso in cui calabroni, vespe o api siano penetrati all'interno dei locali abitativi, compresi i cassonetti degli avvolgibili, le canne fumarie, i locali tecnici(autoclave, caldaia) quando posti all'interno di un fabbricato. Intervengono nella proprietà pubblica, anche all'aperto, nel caso in cui lo sciame risulti posizionato in luoghi ad alta frequenza di persone.

Nel caso in cui lo sciame si posizioni in luoghi difficilmente raggiungibili, il Cittadino dovrà far intervenire una ditta privata, specializzata nella disinfestazione, che provvederà alla rimozione.

Soltanto nel caso in cui lo sciame risulti di facile recupero, per evitare che vada irrimediabilmente perduto, il Cittadino può rivolgersi agli apicoltori disponibili volontariamente al recupero sciami, presenti in una lista allestita dall'Azienda USL Toscana Sud Est.

Presso i sottostanti enti è disponibile l'elenco degli apicoltori disponibili al recupero, che il cittadino contatterà direttamente per richiedere l'intervento.

Domanda per la disponibilità al recupero di sciami vaganti: l'apicoltore interessato al recupero degli sciami sul territorio della Provincia di Siena, può notificarlo alla USL7 compilando e firmando l'apposito modulo e inviandolo per posta o fax, consegnandolo personalmente o inviandolo per mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), unitamente alla fotocopia di un documento di identità, all'U.F. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare, Strada del Ruffolo 53100 Siena, fax 0577 536107.