uslsudestIl Codice rosa e la task force contro la violenza sulle donne e sulle fasce deboli della popolazione, protagonisti di un approfondimento del Tg2, in onda venerdì 25 novembre, nell’edizione delle 20.30.

Il 25 novembre di ogni anno, infatti, si celebra la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, istituita nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni unite per contrastare, anche attraverso azioni di informazione e sensibilizzazione, questo gravissimo fenomeno che non conosce confini di età, nazionalità, religione, livello sociale.

Il modello di presa in carico delle vittime, nato a Grosseto e ormai patrimonio regionale e nazionale, verrà raccontato in dettaglio, con un’intervista a Vittoria Doretti, responsabile della task force-Codice rosa per la Asl Toscana Sud Est e referente regionale del progetto, con immagini girate all’ospedale Misericordia insieme agli operatori del pronto soccorso. Argomenti sono come funziona il Codice rosa e la task force che lo sostiene, a chi è rivolto, come entrare in contatto con la rete; soprattutto come vengono accolte e prese in carico le vittime di violenza negli ospedali che hanno aderito al protocollo, cosa succede “dopo”, quando chi ha subito violenza sceglie di sporgere denuncia.

Una parte del servizio, infatti, è dedicata agli aspetti giudiziari, con un’intervista al sostituto procuratore della repubblica di Grosseto, Giuseppe Coniglio, che insieme a Vittoria Doretti è stato tra i primi a condividere questo modello, a lavorare per renderlo istituzionale e condividerlo con altri Enti e istituzioni pubbliche.

Nel 2015, sono stati circa 92 i codici rosa rilevati negli ospedali territoriali della ex usl7 di Siena, sugli oltre 500 tra Arezzo, Siena e Grosseto e 3 mila in Toscana.

Cosa è il Codice rosa

Il Codice rosa è un percorso riservato alle vittime di violenza che si rivolgono ai pronto soccorso degli ospedali o delle aziende ospedaliere che hanno aderito al progetto.

È nato nel 2010 dalla collaborazione tra la allora Asl 9 e la Procura della Repubblica di Grosseto ed è stato formalizzato da un protocollo d’intesa, che ha dato vita al sistema Codice rosa- task force interistituzionale.

La Task force lavora in rete e in sinergia con i Centri antiviolenza, che rappresentano un punto di riferimento fondamentale sul territorio, per il sostegno alle vittime di violenza.

Dopo la sperimentazione a Grosseto, nel 2011 il Codice rosa è stato esteso ad altre Asl Toscane con la firma, a Firenze, di un protocollo d’intesa tra la Regione e la Procura generale della Repubblica. Successivamente anche ad altre realtà italiane, che hanno fatto proprio questo modello di intervento innovativo ed efficace, trasformandolo in una rete nazionale.